Manifesto della Filantropia

Questo Manifesto rappresenta una sintesi della nostra visione filantropica: un decalogo per orientare giorno dopo giorno il nostro lavoro e condividere con tutti i nostri stakeholder ciò in cui crediamo.

La filantropia deve essere ambiziosa ma concreta e orientata al cambiamento.

La filantropia deve essere consapevole delle esigenze e prestare ascolto ai bisogni delle persone che intende aiutare, non porsi in ottica autoreferenziale.

La filantropia deve essere disinteressata: eventuali benefici ottenibili per il soggetto filantropico devono venire sempre in secondo piano e non porsi come motivazione della filantropia.

La filantropia deve essere collaborativa: collega e aggrega risorse e unisce soggetti filantropici diversi su obiettivi comuni.

La filantropia deve essere rispettosa e vedere i soggetti non profit come “partner”, creando relazioni di fiducia e lavorando insieme per il  raggiungimento degli obiettivi.

La filantropia deve riconoscere l’importanza delle competenze necessarie a operare in modo efficace e aiutare gli Enti non profit a svilupparle, comprendendo insieme a loro i bisogni interni all’organizzazione.

La filantropia deve sostenere iniziative basate su buone pratiche di progettazione, non esercizi stilistici o di narrativa: la progettazione solida è la base per produrre iniziative potenzialmente d’impatto.

La filantropia deve essere disposta ad assumersi rischi, testare innovazioni e valutarne l’efficacia.

La filantropia deve promuovere la valutazione rigorosa degli effetti in quanto volano di apprendimento e generazione di conoscenza, non come pratica sanzionatoria né come strumento di marketing.

La filantropia deve essere onesta e trasparente, riconoscendo e comunicando i proprio successi e i propri fallimenti per creare conoscenza comune su pratiche efficaci – e non.